La identidad

Sono seduta all’altezza di sei specchi che pendono dalla torre scenica. Ondeggiano generando qualche riflesso nella mia direzione. Dalle poltrone, sempre più dita puntano verso quegli specchi e qualche sussurro incuriosito è affidato all’orecchio di un caro che siede a fianco. Di tanto in tanto, emerge la forza delle risate di un bambino, mentre riflessi e riflessioni toccano noi adulti man mano che i fari del teatro si spengono.

Vesania entra in scena. Cammina pensierosa cambiando direzione fino all’ingresso della maschera nera di sé stessa da cui è punzecchiata e perseguitata. Danzano in sincrono. La maschera è beffarda nell’approfittare del vorticare frenetico e spaventato di Vesania. Danza sconsolata, costretta al confronto con la propria alterità. Sembra una marionetta che inizia poi a roteare da sola, si ferma e si libera del corpetto color carne che, in un contrasto di luci e ombre, esala il chiarore della sua anima libera. Vesania impiega tutta la muscolarità della sua danza solitaria nell’ascesa e discesa lungo un palo verso la maschera nera fissata in cima. «Fisicamente estenuante!»  esclama una signora alle mie spalle. Vesania cade. La musica di sottofondo è un piano allegro e impietoso.

Di nuovo, ecco i due opposti sul palco, questa volta ciascuno traccia il proprio tragitto senza incontrarsi. Il bambino che prima rideva ora piange: «Non ho visto niente!» Non ha visto Vesania indietreggiare e scomparire  tra le quinte. Il suo pianto è denso ma puro come l’anima di chi non ha ancora conosciuto e riconosciuto il doppio, il bianco e il nero, le ombre. È proprio il pianto di quel bambino a ricordarci che il teatro incide nel profondo, lavorando sulla pasta grezza della nostra umanità, malleabile in un continuo bilanciamento di chiari e scuri.

Chiara Guerri

Rimani informato sui nostri eventi

Rimani informato sui nostri eventi

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle attività di Incanti!

Contatti
Incanti

Rassegna Internazionale di Teatro di Figura

Associazione Culturale Controluce Teatro d’Ombre, Direzione Artistica di Alberto Jona

P.I. 07752280011
C.F. 97586980019

Associazione Culturale Controluce Teatro © 2021   |   P.I. 07752280011 – C.F. 97586980019   |   Tutti i diritti riservati   |
Powered by WordPress   |   Design by Erica Bortolussi