7 ottobre ore 22.30 Casa del Teatro - Sala Piccola

kaguyaNORI SAWA (Giappone - Repubblica Ceca)

"Kaguya: Bamboo Princess and other pieces"

PRIMA ITALIANA – spettacolo senza parole

Diretta, disegnata e recitata da Noriyuki Sawa
musiche di Toshihiro Nakanishi

La storia di Kaguya si trova nel racconto Taketori Monogatari considerato il più antico libro giapponese di narrativa stampato su carta denominato "l'antenato di tutti i romanzi". Kaguya ad oggi è una delle storie per bambini più popolari del paese, conosciuta praticamente da tutti. La fama della principessa Kaguya potrebbe essere paragonata a quella di Biancaneve o Cenerentola ma nella sua storia non c'è traccia di crudeltà. Nori Sawa definisce la sua Kaguya come un "solo silent drama" che prende vita grazie a pupazzi, maschere, colori suoni e altri semplici materiali che agiscono sul palcoscenico.

NORI SAWA, membro di UNIMA (Unione Internazionale della Marionetta) e premio Franz Kafka 1999, è regista, attore, ombrista e marionettista eclettico con grande esperienza didattica: ha tenuto corsi e laboratori in numerosi festival e università, tra cui Theatre Faculty of AMU, Praga; Stanford University, University of Chicago, Northwestern University, USA e London Puppetry School. Per il secondo anno ospite di Incanti, oltre a presentare il suo spettacolo Kaguya dirige il PIP 2015.

Stampa Email

8 ottobre ore 21.00 Cecchi Point - Salone delle Arti

tiyatrotemTIYATROTEM (Turchia)

"Mutual Dreams"         PRIMA ITALIANA

drammaturgia Şehsuvar Aktaş, Ayşe Selen, Ayşe Bayramoğlu
con Ayşe Selen, Şehsuvar Aktaş
pupazzi Şehsuvar Aktaş

Tiyatrotem, con un composito gioco di teatro d'ombre, narrazione e tradizionali filastrocche, racconta la storia dell'Ubu incatenato in cui Padre Ubu va a informare la moglie di un cambiamento di stile di vita radicale che ha in programma, vivere del lavoro delle proprie mani! E dunque vuole diventare schiavo e trovare persone da servire. Şehsuvar Aktaş e Ayşe Selen in questa storia saranno sia burattinai sia attori, interpretando un "sogno" visibile a tutto il pubblico. Ubu incatenato è l'ultimo e più tagliente dei testi di Jarry, la cui trilogia si completa in una feroce, spietata satira sul concetto di libertà nelle sue diverse forme e interpretazioni.

TIYATROTEM, fondata da Ayşe Selen e Şehsuvar Aktaş, è una delle compagnie più interessanti che combina la tradizione del teatro d'ombre turco Karagöz con un teatro di figura d'innovazione, sperimentando una contaminazione tra antico e moderno. Molto conosciuti in patria hanno girato l'Europa e sono stati invitati in diversi festival in India, Brasile ed Egitto.

Stampa Email

Giovedì 8 ottobre dalle ore 16.00 alle 19.30 - Cecchi Point

cantCANTIERE INCANTI
Per la quarta edizione del progetto CANTIERE, che vuole dare spazio e visibilità ai giovani che si occupano di Teatro di Figura, la direzione artistica di Incanti ha deciso di aprire un dialogo tra attori e autori di questo genere teatrale.
Dal progetto formativo Scrivere per il Teatro di Figura, creato in collaborazione con la Scuola Holden di Torino e sotto la direzione di maestri d'eccezione quali Gyula Molnar, Gigio Brunello e con la collaborazione di Alberto Jona, nove autori hanno prodotto altrettanti testi teatrali sui quali le compagnie si sono cimentate realizzando un progetto di messa in scena. Cinque le compagnie scelte per presentare il proprio breve studio, sviluppato su una drammaturgia originale e inedita.
Al termine della giornata una giuria di esperti selezionerà uno degli spettacoli che sarà inserito nel programma dei Festival IF OFF del Teatro del Buratto (Teatro Verdi) di Milano e L'Altro Volto del Teatro a Cagliari della Compagnia Is Mascareddas.

Hanno partecipato a Scrivere per il Teatro di Figura Pierfranco Allegri, Sofia Beltramo, Alessandra Cappelletti, Sharon Galano, Mila Marzo, Andrea Mularoni, Chiara Pietta, Filippo Santaniello, Manuela Vista e Antonietta Zaccaro.

La giuria sarà composta da rappresentanti di Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani onlus, Scuola Holden, Krapp's Last Post, Unoteatro, Festival If-off - Teatro del Buratto, L'altro volto del teatro - Is Mascareddas

in collaborazione con Teatro del Buratto, Is Mascareddas, Scuola Holden

CARMENTALIA
"Niente di interessante" di Manuela Vista
diretto e interpretato da Alessia Sorbello e Andrea Trovato.
Una giovane donna ricorda quanta solitudine ed inadeguatezza ha provato una volta davanti ad un compito in classe che sembrava troppo difficile. La tenera immagine di lei bambina farà scoprire quanto, invece, possa rivelarsi speciale qualcosa che, agli occhi di tutti, sembra soltanto "niente di interessante".

GRUPPO ZËRI-T
Eleonora di Mila Marzo
con Deborah Di Giacomo, Giulia Lotti, Valerio Marini - regia Valerio Marini
Eleonora di E.A.Poe e Eleanor Rigby dei Beatles: due donne, due vite e due epoche distinte.
Accomunate da un nome e da uno stesso volto, le loro esistenze scorrono parallele in una dimensione funebre e onirica al tempo stesso, nella convinzione di essere l'una il frutto dei sogni dell'altra. Ignare fino alla fine di essere due emanazioni della stessa anima.

LUCA ZILOVICH
Le memorie dell'ultimo fiociniere di Andrea Mularoni
di e con Luca Zilovich, maschere e marionette Elena Ghisleri, musiche originali Andrea Negruzzo.
Per Ismaele la morte viene dal mare e non può che avere le fattezze di uno scheletro di balena. Trascorsi ormai molti anni dal naufragio del Pequod, il fiociniere ripercorre la sua vita. Nella solitudine di chi è scampato alla morte, Ismaele rivede i suoi vecchi compagni di un tempo, che lo accompagneranno nel suo ultimo viaggio alla ricerca della balena bianca.

TARASSACO TEATRO
Niente di interessante di Manuela Vista
con Annamaria Andrei e Serena Ganeo, regia Stefano Michelotti e Annamaria Andrei, tecnico Stefano Michelotti.
Una soffitta, un muro di scatoloni, una donna che sembra riordinare lo spazio e forse la sua vita, vecchie foto in bianco e nero che trasportano nei ricordi di scuola, singolari personaggi che si animano attraversando immagini e parole. Una storia come un'altra. Ma a noi "interessa". Interessa raccontarvela.

MATTEO MOGLIANESI
E.C.G. Piccola avventura di un cuore a Venezia di Antonietta Zaccaro e Sharon Galano
con Matteo Moglianesi, Serena Crocco e Sara Milani
allestimenti scenici Nicolò Mazzotti, suono Giulia La Marca
Venezia. Le sue navi, i suoi mercati, i suoi mercanti. E una macelleria, nel centro della città. Il macellaio pulisce i coltelli, sistema il bancone della carne. È finita un'altra giornata di lavoro, si spengono le luci, si chiude a chiave il portone. Nel buio resta accesa una scintilla e all'interno della bottega tutto si sveglia. È il momento di raccontare le vere storie che la città custodisce tra le calli e i suoi canali. Questa sera è la volta del Mercante di Venezia.

Stampa Email

PAB #BERLINO – Progetto Accademia

Incanti, da sempre attento alla formazione dei giovani, inaugura quest'anno il Progetto Accademia ospitando, in collaborazione con il Goethe Institut Turin e il progetto Torino incontra Berlino, l'Accademia di Arte Drammatica "Ernst Busch".
Il 2015 dà l'avvio ad un progetto di confronto e scambio che si propone di stabilire una rete di rapporti, a partire da Berlino, con importanti scuole teatrali estere nell'ambito del Teatro di Figura, in grado di catalizzare l'attenzione del pubblico oltre che delle giovani compagnie di artisti.
Da una parte quindi una finestra sullo stato e la qualità della formazione europea, dall'altra una serie di iniziative per incontrare e conoscere realtà diverse da quella italiana.
Una serata intera è dedicata al dipartimento di Teatro di Figura dell'Accademia di Arte Drammatica "Ernst Busch" che presenta, in prima Italiana, lo spettacolo SENLIMA journey with no limits, nato dal progetto Borders/Batas/Grenzen co-prodotto con partner Indonesiani, e il documentario/chiacchierata sulla creazione di questo lavoro. Ospiti d'eccezione i tre attori indonesiani del Papermoon Theatre di Yogyakarta. Si aggiungono al progetto due workshop di ricerca e sperimentazione sul teatro d'ombre.

Accademia di Arte Drammatica "Ernst Busch"
L'Accademia può vantare più di un secolo di storia da quando, nel 1905 il nuovo direttore artistico del Deutsches Theater, Max Reinhardt, fondò il primo Conservatorio Tedesco di Arte Drammatica, in modo da legare il suo teatro a una istituzione che si occupasse di formare nuove generazioni di artisti. Questo rapporto durò fino al 1951 quando la scuola divenne un'università autonoma e indipendente. Dal 1971 il programma di insegnamento ha incluso anche il Dipartimento di Teatro di Figura che ad oggi offre una formazione completa che va dalla recitazione alla storia del teatro, dalla preparazione fisica alle più svariate tecniche di animazione. Al dipartimento sono benvenuti gli appassionati o interessati da tutto il mondo che, da uditori, possono seguire per brevi periodi le lezioni. L'Accademia ha un proprio teatro indipendente ed è formata da quattro dipartimenti: Recitazione, Regia, Teatro di Figura e Danza.

Venerdì 9 ottobre ore 21.00– Casa del Teatro - Sala Grande

ernst Berlino

HOCHSCHULE FUR SCHAUSPIELKUNST "ERNST BUSCH" BERLIN (Germania)

SENLIMA journey with no limits

progetto di cooperazione tra Papermoon Puppet Theatre (Yogyakarta), Retrofuturisten (Berlin), HfS Ernst Bush Berlin and Goethe Institut Indonesien
diretto da Maria Tri Sulistyani and Roscha A. Säidow
con Franziska Dietrich, Magda Roth, Jana Weichelt, Caspar Bankert, Pambo Priyojati, Felix Schiller
idea: Papermoon PuppetTheatre, Retrofuturisten
puppets: Iwan Effendi (Papermoon Puppet Theatre) and Magdalena Roth (Retrofuturisten)
in collaborazione con il Goethe Institut Indonesia, Goethe Institut di Torino e Torino incontra Berlino

PRIMA EUROPEA

La base del lavoro è un racconto creato dalle due compagnie, Retrofuturisten e Papermoon Puppet Theatre, influenzato sia dalla mitologia indonesiana che tedesca: un vecchio vive nascosto dal mondo in un grande grattacielo, tutto solo con il suo unico amico, un piccolo uccello. L'uomo condivide la sua solitudine con l'uccello che una notte fugge, affascinato dalla visione di Garuda il re degli uccelli. La mattina seguente, sconvolto dalla scomparsa del suo amico, l'uomo si confronta con la solitudine totale. Questo il punto di partenza per un'avventura unica: seguiamo i due amici e la loro lotta con i confini interiori e reali. Quando si incontreranno di nuovo, ci sarà ancora spazio per la loro amicizia?


Venerdì 9 ottobre ore 22.30 – Casa del Teatro - Sala Piccola

HOCHSCHULE FUR SCHAUSPIELKUNST "ERNST BUSCH" BERLIN (Germania)

Parliamo e oltrepassiamo i Confini

con Ingo Mewes, Roscha A. Säidow, Franziska Dietrich, Magda Roth, Felix Schiller, Jana Weichelt, Caspar Bankert, Beni Sanjaya, Aditya Murti, Pambo Priyojati

Una collaborazione tra un gruppo teatrale tedesco e uno indonesiano può essere un successo quando ci sono 14.141 km e 14 paesi tra di loro? Differenti continenti, culture, diversi modi di lavorare e punti di vista, diversi mondi che si incontrano e creano qualcosa di nuovo. Come combinare tutte queste persone? Dove trovare un linguaggio comune? Esistono ancora dei confini culturali quando si ha accesso ad ogni cosa tramite gli stessi mezzi di comunicazione e quando l'informazione è comune a livello mondiale?
Gli artisti che hanno partecipato alla creazione di SENLIMA journey with no limits dialogano sulla loro esperienza di cooperazione internazionale in Indonesia, del loro processo compositivo attraverso un documentario e risponderanno alle domande del pubblico.

Stampa Email

loghi 2019

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.
Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy.