PROGRAMMA DETTAGLIATO INCANTI 2004


chiaraMartedì 5 ottobre, ore 20,30
Café Procope

Chiara Trevisan (Italia)

VALENTINO'S FLEA CIRCUS

microspettacolo di Horacio Tignanelli per uno spettatore alla volta

Un Circo di Pulci in cui ogni spettatore ha a disposizione un catalogo per la scelta personale del numero al quale lui solo assisterà; tale particolarità è assolutamente unica nel mondo teatrale ed è il risultato di una strana disposizione di questi animaletti a lavorare con pochi esseri umani (data la comune avversione che essi hanno per le pulci). Nel corso di ciascuna esibizione, la valorosa protagonista, secondo rigorosa tradizione circense, presenta brevemente l'evento e informa gli spettatori sul contenuto e sulle modalità di consumo.


taiwanMartedì 5 ottobre, ore 21
Teatro Juvarra

Compagnia Hua Chou Yuan (Taiwan)

TEATRO D'OMBRE CINESE

La Compagnia Hua Chou Yuan è stata fondata da Lin Chen Sen, originario di un villaggio nel centro di Taiwan, che ha dedicato tutta la sua vita al teatro popolare. La compagnia presenta a Torino una selezione di scene del teatro d'ombre popolare, riletto attraverso una chiave contemporanea. La fiaba della gru e la tartaruga, la competizione delle navi-drago, la danza del leone, la storia dei tre regni, tra le scene tradizionali. L'arte cinese del teatro d'ombre, anch'essa antichissima, si distingue da quelle indiana e indonesiana per l'èleganza del disegno, per l'uso acceso dei colori e dei costumi e infine per la perizia tecnica del movimento delle sagome. Ogni area geografica ha poi sviluppato una propria particolarità dal punto di vista stilistico e narrativo.


Senza titoloMartedì 5 ottobre Ore 22,30
Café Procope

Il Dottor Bostik/UnoTeatro (Italia)

B&B (BECKETT & BACON) prima assoluta

B & B mette in relazione l'opera drammatica di Samuel Beckett con quella pittorica di Francis Bacon, l'artista delle crudelissime deformazioni corporee: i due "atti senza parole" di Beckett insieme a "Trittico, tre studi di dorso maschile"di Francis Bacon diventano un unico lavoro che corre, scandito da lancette d'orologio inesorabili, in un'atmosfera di allarmante metafisicità, verso una violenza gelida e raffinata. Marionette come uomini e uomini come marionette, determinati da un disegno "ester-no" che obbliga tutto e tutti all'azione.


Mercoledì 6 ottobre ore 20,30
Café Procope
Chiara Trevisan (Italia)
VALENTINO'S FLEA CIRCUS (Replica)


Mercoledì 6 ottobre ore 21
Teatro Juvarra
Compagnia Hua Chou Yuan (Taiwan)
TEATRO D'OMBRE CINESE (replica)


chat noir et chinoisMercoledì 6 ottobre ore 22.30
Café Procope

Le Théâtre des Ombres (Francia)

LE CHAT NOIR ET LE CHINOIS e altre storie

Fondato a Toulouse nel 1988 Le Théâtre des Ombres è costituito a sua volta da membri della compagnia Théâtre de la Voie Lactée, e ha prodotto in questi anni più di quindici spettacoli; autore dei disegni e delle sagome è Christophe Bastien-Thiry che da 30 anni disegna e dipinge. In un piccolo teatro itinerante la compagnia presenta tre piccole storie che in qualche modo uniscono la tradizione e l'ironia degli spettacoli d'ombra del famoso Chat Noir parigino di fine Ottocento con la tradizione orientale. Delle tre storie presentate la seconda è ispirata al poema in prosa di Baudelaire "L'horloge" ed è una sorta di parabola sulla nozione di tempo.


Giovedì 7 ottobre ore 20,30
Café Procope
Chiara Trevisan
(Italia)
VALENTINO'S FLEA CIRCUS (Replica)


mottramGiovedì 7 ore 21
Teatro Juvarra

Stephen Mottram's Animata (Gran Bretagna)

SEED CARRIERS

E' questo uno spettacolo "dark" e misterioso, in uno stile che riflette diverse influenze, dalla pittura di Hieronymus Bosch ai film dei Quay Brothers, e in cui azione e suono producono una esperienza ipnotica e di forte impatto. Protagoniste sono marionette dalle sembianze umane, portatrici di semi, seed carriers appunto, che balzano e brulicano nello spazio scenico: le meno pronte vengono catturate in una grande rete o nelle trappole del manipolatore, ambigua figura che aiuta o distrugge quelle creature. Come nei peggiori incubi, in una sorta di orrida slow motion, i piccoli corpi sono dilaniati e trasformati in semi. I semi raccolti crescono, come nel più tenero immaginario di piante e animali, per fornire nuove creature a quello spietato ecosistema. Quelli sfuggiti alle trappole costruiscono macchine complicate per camuffarsi da pesci, uccelli e insetti, e così diventare meno vulnerabili ai pericoli del sistema.


Giovedì 7 ore 22,30
Café Procope

Compagnia GRM (Italia)

ALICE AL CUBO

di e con Paolo Astrua, Raffaella Greco, Silvia Corsi

Al principio dello spettacolo, tre conferenzieri armati di valigette e microfoni sembra-no intenzionati a disquisire sul rapporto tra arte e scienza; nra ben presto la rappre-sentazione della storia di Alice si fa reale, i conferenzieri diventano attori, i microfo-ni burattini, le valigette dispensano antiche maschere greche, mantelline che fanno andare "più veloce della luce" e lucciole impertinenti.


Venerdì 8 ottobre ore 20,30
Café Procope
Chiara Trevisan
(Italia)
VALENTINO'S FLEA CIRCUS (Replica)


Venerdì 8 ottobre ore 21
Café Procope

MARIONETTE SENZA FILI (parte prima)

VideoArte e teatro di Figura a cura di Giovanni Coda e Ana de Alvear in collaborazione con il Festival V-Art di Cagliari
Associazione Culturale Labor
Regione Autonoma della Sardegna
Comune di Cagliari - Società Umanitaria - Cineteca Sarda Circolo del Cinema [email protected] Archivio Labor


asina2Venerdì 8 ottobre ore 21,30
Teatro Juvarra

L'Asina sull'Isola (Italia)

DIARIO DI BORDO

di e con: Katarina Janoskova e Paolo Valli
testo Alessandro Berti, disegni Martino Pompili

Ispirato a un fatto di cronaca realmente accaduto nel 1995, lo spettacolo racconta il viaggio di trenta emigrati indiani verso la terra promessa: l'Europa. La vicenda è narrata come un immaginario diario di bordo, dall'imbarco dei trenta giovani in una buia alba tunisina, fino al rocambolesco epilogo. Questa storia è rappresentativa dei tanti esodi contemporanei il cui crocevia geografico è la nostra terra.


 mascareddasSabato 9 ottobre ore 17
Café Procope

Is Mascareddas (Italia)

CHI HA PAURA DELLA MORTADELLA?

testo e animazione Compagnia Is Mascareddas, sceneggiatura e regia Karin Koller, costruzione burattini e oggetti Donatella Pau, Sonia Carlini; sartoria Adriana Geraldo, decorazione scene Metamorfhosi, registrazione audio Studio Live

Il fratello della morte è il sonno, e questo lo sappiamo tutti. Meno noto è il fatto che la morte ha anche un figlio, e che il ragazzo si chiama Beniamino. Beniamino ha le guance rosse, è ciccione, gli piace vestirsi con colori vivi e ballare il chachacha. Ma Beniamino non ha la minima voglia di seguire le orme paterne: vuole fare a modo suo. La morte è uno dei soggetti più evitati nei discorsi con i bambini. Eppure le favole non hanno paura di trattare questo tema. Anzi, la morte è un elemento ricorrente, visto che le fiabe parlano molto delle paure e delle ansie nel passaggio tra l'età infantile e quella adulta. Un modo "giusto" per affrontare un soggetto così complesso non esiste, ma questo non significa che non si debba trattarlo, magari in una forma scherzosa e gioiosa. Nasce così una storia sulla morte che non fa paura, e anzi fa ridere e divertire i bambini. I burattini sono forse gli "attori" più adatti per affrontare questa sfida.


Sabato 9 ottobre ore 20,30
Café Procope
Chiara Trevisan
(Italia)
VALENTINO'S FLEA CIRCUS (Replica)


bonecosSabato 9 ottobre ore 21
Teatro Juvarra

Centro Cultural de Evora (Portogallo)

LOS BONECOS DE SANTO ALEIXO

Originari probabilmente della cittadina di Alentejo, le marionette di Santo Aleixo si rifanno a una tradizione di meta Ottocento e in particolare alla figura di un certo Nepomucena nato a Santo Aleixo, ma dalle fonti che abbiamo sembra che le origini siano precedenti at 1700. Sono marionette manipolate dall'alto, simili a quelle del Sud Italia o del Nord Europa ma pia piccole (attorno ai 20/40 cm.). Di propriety della famiglia Talhinhas riscoperte e presentate per la prima volta in pubblico nel 1967, Los Bonecos de Santo Aleixo adesso appartengono alla Centro Cultural de Evora. In un "retabulo" (baracca) di legno e ricoperto di tessuti, una sorta di palcoscenico in miniatura, dipinto e illuminato con lampade a olio, si raccontano le grandi storie dell'uomo, soggetti eruditi, ma come si fa nelle tradizioni orali, in una forma he affonda le sue radici nella cultura popolare.


Sabato 9 ottobre ore 22.30
Café Procope

MARIONETTE SENZA FILI (parte seconda)

VideoArte e teatro di Figura a cura di Giovanni Coda e Ana de Alvear in collaborazione con il Festival V-Art di Cagliari.
Associazione Culturale Labor
Regione Autonoma della Sardegna
Comune di Cagliari - Società Umanitaria - Cineteca Sarda Circolo del Cinema [email protected] Archivio Labor


Domenica 10 ottobre ore 17
Teatro Juvarra

Conservatorio di Musica Bonporti di Riva del Garda

VERDE FIABA
in collaborazione con Controluce Teatro d'Ombre

Testo Alberto Jona, musica Luigi Tommasini, Giovanna Trentini, Laura Crescini e Francesca Zambelli, Simone Zuccati; supervisione musicale Massimo Priori, complesso strumentale e vocale del Conservatorio Bonporti di Riva del Garda , direzione d'orchestra Paolo De Zen, regia Alberto Jona in collaborazione con Maria Luisa Iotti, ombre Controluce Teatro d'Ombre

Il Corvo e la volpe, La volpe, la tortora, il gallo e la rana, e infine La lumaca e l'allodola, tre fiabe di animali che i giovani allievi di composizione del Conservatorio di Riva del Garda, sotto la guida di Massimo Priori, hanno messo in musica per i complessi strumentali e vocali del Conservatorio e che le ombre di Controluce hanno animato. Un progetto di carattere didattico: ogni operina infatti ha come modello un mondo letterario e di conseguenza musicale ben preciso, la prima il Settecento fra Da Ponte e Bertati, la seconda l'Ottocento di Cammarano (uno dei librettisti di Verdi) e infine l'ultima ha come modello i libretti di Illica e Giacosa. In un gioco di citazioni e suggerimenti le tre operine portano i giovani verso il mondo e il linguaggio dell'opera con l'aiuto leggero e suggestivo delle ombre.


tranterDomenica 10 ottobre ore 21
Teatro Gobetti

Stuffed Puppet Theatre (Olanda/Australia)

SCHICKLGRUBER, ALIAS ADOLF HITLER

ideazione, pupazzi Neville Tranter, argomento Adrie van Dijk, testo Jan Veldman, regia Theo Fransz, musica Ferdinand Bakker & Kim Haworth, luci Desiree van Gelderen, costumi Atty Kingma, scene Martin Mulder

Un polveroso attico nella penombra, pupazzi sotto dei teli, un uomo entra e toglie la polvere dalle loro memorie. Berlino, 20 Aprile 1945. I soldati russi sono già alla periferia e si aprono la strada verso il centro della città sparando. Il bunker del Fürher è piazzato tra i palazzi del governo. In pochi sono intrappolati in una stanza buia e polverosa con il soffitto a punto di crollare e quei pochi rimasti tentano di creare un ambiente gioioso per celebrare il compleanno del Fürher E' chiaro per tutti che la fine è vicina, è solo questione di tempo. La fine del tempo nazista si sta consumando. A Berlino il cittadino medio, disperato, sta tentando di sopravvivere mentre nel bunker si celebra il 56esimo compleanno di Adolf Hitler. Questo è il momento in cui Neville Tranter, con alcuni pupazzi e con un po' di musica, comincia a investigare la tesa situazione.

Cooproduzione Stuffed Puppet Theatre / Kleine Spui-produkties e Schauspielhaus Wien in collaborazione con Wiener Festwochen e Novapool


WORKSHOP

9 e 10 ottobre orario 10 - 13
Castello di Rivoli Museo d'Arte Contemporanea
in collaborazione con il Dipartimento Educazione

Workshop di Teatro d'ombre
con Paolo Valli e Katarina Janoskova (L'asina sull'isola)

informazioni e prenotazioni Teatro Juvarra tel 011.540675

Stampa Email

INCANTI
Rassegna Internazionale di Teatro di Figura
11° edizione - 5 - 10 Ottobre 2004

con il sostegno
Regione Piemonte, Città di Torino, Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT
in collaborazione con
Festival de Bonecos (Belo Horizonte - Brasile), Internationales Figuren Theater Festival (Wels - Austria), Adria Puppet Festival (Gorizia), Istituto per i Beni Marionettistici e Teatro Popolare,

STAFF
Direzione Artistica: Corallina De Maria, Alberto Jona, Jenaro Meléndrez Chas
Direzione Organizzativa: Alberto Jona, Jenaro Meléndrez Chas in collaborazione con MAS Juvarra
Comunicazione: Isabella Lagattolla
Ufficio Stampa: Corallina De Maria, Marco Ternullo
Organizzazione produzioni: Guilermo Pivari
Organizzazione ospitalità: Massimo Arbarello
Organizzazione tecnica: Federica Balosso, Mas Juvarra

LUOGHI
Teatro Juvarra
Via Juvarra 15 - 10121 Torino tel. 011 540675
Teatro Gobetti
via Rossini, 8 - 10124 Torino tel. 011 5169412
Teatro del Castello di Rivoli
Piazza Matilde di Savoia - Rivoli (TO) - tel. 011 9565222

PREZZI
Singolo spettacolo: € 10,00, ridotto € 8,00
Spettacolo pomeridiano: € 8,00, ridotto € 6,00
Serata con due spettacoli: € 15,00
Abbonamento a 10 spettacoli: € 70,00

Informazioni e prenotazioni:
Teatro Juvarra: orario 16,00 – 19,00 tel. 011 540675

Immagine depliant: Jenaro Meléndrez Chas (Foto Mauro Guglielminotti)
Progetto grafico e impaginazione: Eta Beta (Torino)

Stampa Email

Logo RP stampa
Giampiero Leo

Assessore alla Cultura Regione Piemonte

città torino


Fiorenzo Alfieri

Assessore alla Cultura Città di Torino

Incanti entra nella sua seconda decade. Ci sembra questo un segnale di particolare vitalità e interesse per un festival che, iniziato quasi come una scommessa, si è imposto negli anni non solo a Torino e in Piemonte, ma in Italia e in Europa come uno dei festival di qualità e di novità per quanto riguarda il Teatro di Figura, grazie alla scelta sempre chiara delle sue linee guida. Tradizione e ricerca sono egualmente rappresentate da questa rassegna che ha stabilito negli anni rapporti con altri importanti festival italiani, europei e ultimamente sudamericani, incrementando il numero degli appassionati e divenendo una vetrina internazionale capace di ritagliarsi uno spazio di prestigio. E' dunque con particolare piacere che salutiamo questa undicesima edizione.

Stampa Email

Ed eccoci all'undicesima edizione di Incanti. Iniziato con l'appoggio dell'Assessorato alla Cultura della Regione Piemonte a cui si sono aggiunti negli anni la Città di Torino, la Compagnia di San Paolo e la Fondazione CRT, Incanti è un festival ormai conosciuto internazionalmente che collabora con altri festival italiani (Cagliari, Gorizia) ed esteri (Wels, Belo Horizonte). La sfida iniziale di un teatro di figura per adulti si può dire vinta.
E veniamo all'edizione di quest'anno. Come sempre dedichiamo uno spazio alle radici orientali del teatro di figura: si inizia con le vere ombre cinesi della compagnia Hua Chou Yuan di Taiwan. Dal Portogallo arrivano per la prima volta a Torino i Bonecos de Santo Aleixo di Evora dove la tradizione marionettistica si fonde con il fado. Per quanto riguarda la ricerca, secondo obiettivo della programmazione di Incanti, la rassegna ospita il debutto italiano dello spettacolo
"Schiklgruber" dello Stuffed Puppet Theatre (Olanda / Australia), agghiacciante viaggio nelle ultime ore di Hitler creato dal grande attore e manipolatore Neville Tranter. Torna Stephen Mottram con i piccoli automi di "Seed Carriers", uno spettacolo ormai storico e mai presentato a Torino. Inoltre la prima assoluta dello spettacolo "B&B" (Beckett &Bacon)del Dottor Bostik, nuova produzione di Dino Arru, il Valentino's Flea Circus di Chiara Trevisan e l'Alice della compagnia
GRM.
Per quanto riguarda il teatro d'ombre vi saranno L'asina sull'Isola con "Diario di bordo" a raccontare un temaparticolarmente vicino come l'emigrazione, e le suggestive ombre de Le Théâtre des Ombres di Toulouse. In più un piccolo progetto di carattere didattico di Controluce, "Verde Fiaba" operina da camera nata in collaborazione con i complessi strumentali e vocali del Conservatorio Bonporti di Riva Del Garda. Per lo spazio bambini tornano Is Mascareddas.
Come ogni anno in collaborazione con il Festival V-Art di Cagliari ci sarà la sezione dedicata al cinema di animazione e la videoart in relazione con i teatro di figura a cura di Giovanni Coda e Ana de Alvear. Infine il workshop di teatro d'ombre, in collaborazione con il Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli Museo d'Arte Contemporanea, affidato quest'annoa Paolo Valli e Katarina Janoskova della Compagnia L'Asina sull'Isola. E poi come sempre grazie al pubblico che ci segue ormai da undici anni e che ha reso possibile questo festival.

Torino Settembre 2004

Controluce Teatro d'Ombre
direzione artistica                                Programma 2004                  Presentazione istituzionale

Stampa Email

loghi 2019

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.
Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy.