2015 In occassione del compleanno di Magazzini Oz

LogoMagazziniOz Vettoriale

ATTORNO A INCANTI 2015




Sabato 10 ottobre ore 16.00 Magazzini OZ
(causa limitazione posti è necessaria prenotazione)

FIGURE A TAVOLA
percorsi culinari da camera

con Giusi Bisignano, Federica Brambini, Stefania Cassese, Stefania Gallo, Letizia Marrone, Giulia Miniati, Greta Pavese, Fabiana Pistillo, Daniela Pisci, Davide Quarona, Francesca Savini, Ariela Stingi e Luca Zilovich

a cura di Controluce Teatro d'Ombre in collaborazione con Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani Onlus/La Piccola Accademia

Dal 2011 INCANTI e la Piccola Accademia collaborano ad una serie di progetti formativi e performativi. Per questa edizione l'idea è stata quella di creare dei piccoli spettacoli da camera dedicati al cibo in collaborazione con i MagazziniOz di Torino.
Gli allievi e gli ex-allievi della Piccola Accademia, dopo un breve workshop, hanno realizzato brevi piéce teatrali utilizzando come tecniche il teatro di oggetti, di marionette, burattini, ombre, teatro visuale, teatro di narrazione con oggetti. In occasione di EXPO 2015 anche il teatro di figura parla di cibo.

Sabato 10 ottobre ore 18.00 – Magazzini OZ (causa limitazione posti è necessaria prenotazione)

ONDA TEATRO

CIBOH !

Performance di Teatro Urbano. Progetto e regia Bobo Nigrone
con Claudia Appiano, Marta Barattia, Vincenzo Di Federico, Giulia Miniati, Davide Nepote Valentin, Giulia Rabozzi, Francesca Savini, Marzia Scala
movimenti coreografici Stefano Mazzotta – Zerogrammi

in collaborazione con Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani Onlus/La Piccola Accademia

Sulla scena si presentano sei eleganti signore munite di posate e tovagliolo, pronte a partecipare ad una cena di gala. Ad accoglierle un'improbabile coppia di chef. Ma c'è un assente non previsto che rischia di rovinare la serata: manca il cibo!
Tra narrazioni corali, accadimenti non-sense e azioni danzate, lo spettacolo ci induce a riflettere con leggerezza sul nostro rapporto con il cibo e sulla possibilità di un cambiamento, suggerendo una diversa concezione del rapporto dell'uomo con l'ambiente.

Stampa

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.
Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy.